Laurea Triennale in ECONOMIA e COMMERCIO
Durata corso: 3 anni – Crediti: 180

Il Corso di Laurea in Economia e Commercio prevede una formazione su un bilanciamento tra discipline economico-generali, aziendali, giuridiche e matematico-statistiche. Gli sbocchi professionali sono molteplici e vanno dall’ esercizio di funzioni amministrative e gestionali in imprese profit e non profit, in banche e assicurazioni, alle diverse carriere nella pubblica amministrazione.

Didattica del corso di laurea
Il Corso di laurea offre la possibilità di studiare le discipline di base necessarie per l’accesso a tutte le carriere economiche, dalla professione di commercialista a quella di consulente aziendale, dall’economista al dirigente in imprese e amministrazioni pubbliche. In particolare, il corso di Studio si propone di fornire agli studenti una buona conoscenza di base nelle discipline economiche e aziendali, la padronanza dei principi e degli istituti dell’ordinamento giuridico e una buona preparazione nell’analisi quantitativa. Lo studente deve inoltre acquisire le conoscenze fondamentali nel campo dell’informatica e dei sistemi di elaborazione dati e approfondire lo studio di una lingua straniera. Il corso di studio, attraverso l’acquisizione di ulteriori competenze in ambito economico, statistico, storico e geografico-merceologico, intende anche fornire una dotazione di conoscenze immediatamente spendibili per un pronto inserimento nel mondo del lavoro. Il corso di studio consente, grazie alla presenza di numerosi accordi con istituzioni universitarie internazionali, di potenziare il profilo internazionale della preparazione degli studenti.
Riepilogando il corso di laurea in Economia e commercio permette agli studenti di acquisire:
• solida formazione di base multidisciplinare;
• ottima formazione per la prosecuzione degli studi nelle lauree magistrali;
• valida formazione professionalizzante per gli studenti che scelgono il mercato del lavoro dopo il triennio di studio.

Sbocchi Occupazionali
Il conseguimento del titolo consentirà di accedere, previa attività di praticantato, all’esame di abilitazione per l’esercizio delle professioni di esperto contabile (Sez. B dell’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili).

LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA – CURRICULUM PSICOECONOMIA
Durata corso: 3 anni – Crediti: 180

Il corso di laurea in Psicoeconomia intende fornire allo studente le competenze necessarie per analizzare le problematiche delle aziende o dei mercati, tenendo conto delle componenti psicologiche, sociologiche e culturali dei comportamenti umani nei vari contesti lavorativi.

Didattica del corso di laurea
Il corso di laurea in Psicoeconomia fornisce quelle competenze necessarie a presidiare la zona d’incrocio tra psicologia ed economia, sempre più richieste a professionisti e manager, soprattutto nel settore bancario, finanziario, assicurativo e nel marketing. È un corso di laurea ad alta percentuale di innovazione, per cui il rapporto tra teoria, applicazione, ricerca, simulazione e validazione di modelli rappresenta un unicum didattico, non sezionabile. Indispensabili le conoscenze di base della scienza economica e di quella psicologica ma è sul rapporto tra le due che si giocheranno le attività didattiche in aula e sul terreno, la progettazione dei tirocini e il loro monitoraggio, lo studio dei casi e anche la prova finale che dovrà dimostrare da parte dello studente una buona capacità di sintesi e di creatività interpretativa dell’economia di oggi. L’oggetto del corso – rapporto tra economia e psicologia – è di per sé un vastissimo terreno di ricerca, sia sul versante economico che su quello psicologico e riguarda alcuni dei cambiamenti più radicali del mondo di oggi: il rapporto uomo-mondo, la nuova piramide dei bisogni, la resistenza di certe culture ad acquisire il modello economico dominante, la compenetrazione tra ricchezza e povertà, la crescita dell’incertezza, la funzione del capitale intellettuale rispetto al capitale finanziario e a quello produttivo.

Sbocchi Occupaziona
I Principali ambiti lavorativi nei quali i laureati in psicoeconomia possono inserirsi sono i seguenti: • le attività professionali e sperimentali in contesti (banche, borsa, marketing) economici dinamici e complessi connotati da incertezza e rischio, nei quali è richiesta una profonda capacità di analisi, di interpretazione e di decisione in condizioni di razionalità limitata; • l’attività, anche dirigenziale, nel settore bancario e della finanza (banche, assicurazioni, operatori del mercato finanziario, istituzioni finanziarie internazionali); • l’attività nei settori economici e dei servizi (del pubblico, del privato e dell’economia sociale); • i centri studi di banche e società finanziarie e i centri di ricerca di organizzazioni nazionali e internazionali; • il giornalismo specializzato in campo finanziario;

LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA – CURRICULUM SCIENZE BANCARIE ED ASSICURATIVE
Durata corso: 3 anni – Crediti: 180

ll corso di laurea in Scienze Bancarie e Assicurative intende assicurare un percorso didattico in grado di generare competenze in più aree disciplinari:
Esercitazioni e prove pratiche
Studio dei casi
Partecipazione a seminari tenuti da esperti appartenenti al mondo delle imprese
Acquisizione di abilità linguistiche
Stage in enti e istituti di ricerca, aziende o amministrazioni pubbliche

Didattica del corso di laurea
Il corso di Laurea in Scienze Bancarie e Assicurative intende formare profili professionali nuovi che abbiano competenze in più ambiti disciplinari (economico, aziendale, giuridico) con particolare riguardo al settore creditizio e assicurativo. Il laureato in Scienze Bancarie e Assicurative deve essere anche in grado di interpretare e gestire una realtà economica in continua evoluzione e sempre meno inquadrabile in modelli predefiniti. Sul piano dei curricula, questo corso di laurea porrà oltre ai contenuti tradizionali, importanti integrazioni che riguardano: 1. storia e sviluppo dei sistemi capitalistici nazionali da cui derivano le differenze dei sistemi bancari e finanziari che oggi interagiscono nel mondo; 2. storia dei sistemi monetari; 3. storia delle istituzioni preposte al governo della moneta nazionale e internazionale; 4. effetti della rivoluzione informatica sul sistema finanziario con particolare attenzione allo sviluppo della moneta virtuale; 5. psicologia delle decisioni. L’obiettivo è quello di proporre percorsi di studio che consentano allo studente di comprendere sistemi e dinamiche, istituzioni e politiche, fenomeni e rischi riferiti al mondo della banca e della finanza, allo scopo di poter operare in esso con cognizione di causa, correttezza ed efficacia.

Sbocchi Occupazionali
I principali ambiti lavorativi nei quali i laureati in scienze bancarie e assicurative possono inserirsi sono i seguenti: • l’attività, anche dirigenziale, nel settore bancario e della finanza (banche, assicurazioni, operatori del mercato finanziario, istituzioni finanziarie internazionali); • l’attività nei settori economici e dei servizi (del pubblico, del privato e dell’economia sociale); • i centri studi di banche e società finanziarie e i centri di ricerca di organizzazioni nazionali e internazionali; • il giornalismo specializzato in campo finanziario; • l’insegnamento, secondo le norme che regolano l’accesso alla docenza.

LAUREA BIENNALE IN SCIENZE DELL’ECONOMIA
Durata corso: 3 anni – Crediti: 180

La Laurea Magistrale in Scienze Economiche intende formare economisti forniti di una solida preparazione secondo i più elevati standard europei ed internazionali principalmente attraverso il completamento della preparazione acquisita nelle lauree delle classi in Scienze Economiche.

Didattica del corso di laurea
L’obiettivo formativo è perseguito attraverso un insieme coordinato di approcci come: – l’approfondimento del nucleo centrale di teoria economica e delle tecniche di analisi quantitativa; – lo sviluppo di competenze in campi di indagine che mostrino le possibilità applicative degli strumenti acquisiti; – lo sviluppo di interessi analitici verso la dimensione storica e istituzionale dei sistemi economici; – l’utilizzazione creativa delle metodologie economiche e delle tecniche quantitative proprie dei diversi settori di applicazione per la soluzione di problemi economico-sociali.
Il Corso di Laurea Magistrale è costituito attorno ad un nucleo comune di insegnamenti economici, matematico-statistici, giuridico-aziendali. Partendo da questa base è poi possibile approfondire tematiche specifiche quali economia del lavoro, economia industriale, economia internazionale, economia monetaria e finanziaria, economia pubblica, economia delle risorse e dello sviluppo, metodologia dell’analisi economica, politica economica, storia economica. Lo scopo fondamentale del corso, coerentemente con la logica progettuale, è quello di fornire agli studenti le necessarie competenze per poter operare in maniera consapevole nei diversi ambiti, spesso tra loro molto diversificati, ma riconducibili alla possibilità di coniugare proficuamente le conoscenze economiche con quelle aziendali, matematico-statistiche e giuridiche. Elemento fondamentale del progetto risulta l’interazione tra gli obiettivi formativi e il mondo del lavoro, con la finalità di fornire adeguate conoscenze teoriche e pratiche che possano offrire agli studenti diverse opportunità di lavoro particolarmente nei settori economici pubblici e privati, negli uffici studi di organismi territoriali, in enti di ricerca nazionali ed internazionali, nella pubblica amministrazione e nell’ambito delle libere professioni di natura economica. Il percorso si conclude con la redazione di un elaborato scritto che dovrà contenere elementi di originalità, sviluppato in una disciplina di particolare interesse per il discente con la supervisione del docente titolare dell’insegnamento.

Sbocchi Occupazionali
Il laureato potrà trovare utile collocazione in contesti nei quali possa mettere a frutto le competenze analitiche acquisite.
Precisamente: – attività nel mondo della consulenza aziendale; – attività nell’ambito delle analisi economiche d’impresa e dei mercati nazionali e internazionali; Le competenze acquisite costituiscono inoltre strumentazione fondamentale per chi voglia esercitare attività imprenditoriali e manageriali in imprese e organizzazioni private e pubbliche. Il corso consente di conseguire l’abilitazione alle professione di Dottore commercialista, che può essere svolta previo svolgimento del tirocinio e superamento del relativo esame di Stato.

LAUREA TRIENNALE IN ECONOMIA – CURRICULUM START-UP D’ IMPRESA E MODELLI DI BUSINESS
Durata corso: 2 anni – Crediti: 120

Il corso di laurea nasce con lo scopo di realizzare una professionalità di tipo manageriale in possesso del know how necessario alla gestione di tutti gli step di vita di un’impresa: dall’idea imprenditoriale, alla sua progettazione e realizzazione (start-up) sino alla corretta gestione dell’impresa costituita.

Didattica del corso
Il corso di laurea si fonda su un presupposto: l’imprenditorialità non è una disciplina “accademica” coerente e strutturata i cui precetti fondamentali possono essere trasferiti dal docente al discente in una serie di lezioni tradizionali. Il corso parte da una semplice osservazione: milioni di imprenditori nel mondo hanno creato imprese senza aver frequentato un corso sull’imprenditorialità o aver ottenuto un titolo di studio inerente agli studi di impresa. L’imprenditorialità è piuttosto un percorso di scoperta basato sull’azione, come dimostra la più recente ricerca scientifica sui percorsi e le pratiche di creazione di nuove imprese. A partire da queste semplici considerazioni, il corso intende essere un momento di sperimentazione collettiva e collaborativa: gli studenti saranno impegnati per l’intera durata del modulo nella progettazione e nello sviluppo di idee imprenditoriali. Al termine del corso gli studenti dovranno presentare: 1. Un prototipo del prodotto/servizio e/o del suo business model 2. i feedback di almeno 5 potenziali stakeholder 3. un diario dell’imprenditore (individuale).

Sbocchi Occupazionali
I principali ambiti lavorativi nei quali i laureati start-up d’impresa e modelli di business possono inserirsi sono i seguenti: • area della pianificazione strategica • aziende private, aziende pubbliche finalizzate al finanziamento delle start up; • posizioni di rilevanza manageriale di vertice/funzione (amministrazione, organizzazione aziendale, organizzazione del lavoro, gestione della produzione, marketing, finanza, pianificazione e controllo di gestione), inserite in percorsi di rapida crescita professionale ovvero a diretto supporto del vertice; • società di consulenza • l’insegnamento, secondo le norme che regolano l’accesso alla docenza.